Di Beatrice Balbo

Johannes Kepler e i moti dell’universo

Un paio di settimane fa, l’argomento delle lezioni di scienze è stato l’universo e il sistema solare. Questo argomento mi affascina molto e le leggi di Keplero mi hanno colpito particolarmente: per questo ho deciso di approfondirle. Johannes Kepler (o Giovanni Keplero, adattato in italiano) fu un astronomo, astrologo e matematico tedesco vissuto tra il […]

Un paio di settimane fa, l’argomento delle lezioni di scienze è stato l’universo e il sistema solare. Questo argomento mi affascina molto e le leggi di Keplero mi hanno colpito particolarmente: per questo ho deciso di approfondirle.

Johannes Kepler (o Giovanni Keplero, adattato in italiano) fu un astronomo, astrologo e matematico tedesco vissuto tra il 1571 e il 1630, in contemporanea con Galileo Galilei. Nel corso della sua vita è stato eletto matematico, astrologo e astronomo imperiale a Praga e matematico territoriale a Linz, in Austria.

Nell’Astronomia Nova, un trattato che pubblicò nel 1609 a Praga, enunciò le prime due leggi e la terza nell’Harmonices Mundi, un altro suo trattato pubblicato nel 1619. Tutte e tre le leggi erano supportate dai dati osservati da Tycho Brahe, matematico e astrologo predecessore di Keplero.

La prima legge dice: “L’orbita descritta da ogni pianeta nel proprio moto di rivoluzione è un’ellisse di cui il Sole occupa uno dei due fuochi”. I fuochi sono due punti dell’ellisse in cui il pianeta gira a velocità minima (il perielio) e a velocità massima (l’afelio), alla stessa distanza l’uno dall’altro. È importante perché separa definitivamente la teoria eliocentrica (il Sole è posizionato al centro del sistema solare) di Copernico dalla teoria geocentrica (la Terra è il centro del sistema solare e tutti gli altri astri ruotano intorno a essa) di Tolomeo. 

La seconda legge dice che il segmento che unisce il centro del Sole con il centro del pianeta descrive aree uguali in tempi uguali, e la terza che la velocità che un pianeta impiega per il moto di rivoluzione è proporzionale alla sua distanza dal sole (più il pianeta è lontano, più è lunga la rivoluzione). Ad esempio, Plutone impiega 248 anni, mentre Mercurio soltanto 88 giorni.

Le leggi di Keplero sono applicabili a qualsiasi corpo che orbita intorno un altro, ma a tre condizioni:

  • La massa del pianeta è minore a quella della stella di riferimento;
  • Le interazioni tra il pianeta e altri corpi celesti e non sono trascurabili;
  • l’intensità della gravità permette di trascurare gli effetti della teoria della legge gravitazionali.

Le sue leggi furono riconosciute solo dopo che Newton ne fece uso, e non prima degli anni ‘60 del Seicento vennero accettate dalla comunità scientifica, che dedicò a Keplero l’asteroide 1134 Kepler, un cratere lunare, un cratere su Marte, Kepler-22b (un pianeta extrasolare che orbita intorno alla stella nana Kepler-22, anch’essa dedicata a Keplero).

Corrierino | Articoli correlati

Uno spazio di confronto, espressione e crescita per i ragazzi

23 Apr 2024

Di Giorgia Segat

Un racconto per te – Il calendimaggio

Se amate scrivere e comunicare messaggi profondi, questa iniziativa fa proprio al caso vostro! Il Calendimaggio è un concorso di scrittura a cui sono invitati a partecipare i ragazzi di seconda e terza media – che possono proporre poesie – e delle scuole superiori, i quali possono presentare sia una poesia sia un testo in prosa. Tra tutti, […]

23 Apr 2024

Di Alessandro Gatti

“Federico il grande” di Alessandro Barbero

Ho la passione della storia perché con mio padre parliamo di storia contemporanea, guardo spesso il telegiornale e sempre prima di andare a dormire ascolto i podcast del professor Alessandro Barbero: Ho deciso di leggere questo libro dal titolo “Federico il grande” per approfondire un nuovo argomento. Il libro inizia descrivendo il momento storico nel […]

23 Apr 2024

Di Elisa Mauri

Il Castello Sforzesco

Ciao, oggi volevo raccontarvi una gita che ho fatto con la scuola al Castello Sforzesco. La mattina del 14 febbraio 2024 sono andata a scuola e una volta che siamo arrivati tutti ci siamo incamminati verso la stazione.  Arrivati alla stazione abbiamo preso il treno e poi la metro. Quando siamo arrivati davanti al Castello […]