Di Ludovica Serafina Silvi e Gomez Sophia

“Non esistono ragazzi cattivi!”

È questo il motto della comunità Kayros, casa di molti ragazzi adolescenti provenienti da carceri milanesi. Il 27 di aprile al Cineteatro Flores di Vanzago abbiamo assistito ad uno spettacolo organizzato e svolto da 20 ragazzi della comunità Kayros dal titolo “Non esistono ragazzi cattivi”. Ognuno di loro raccontava di sé in un modo con […]

È questo il motto della comunità Kayros, casa di molti ragazzi adolescenti provenienti da carceri milanesi.

Il 27 di aprile al Cineteatro Flores di Vanzago abbiamo assistito ad uno spettacolo organizzato e svolto da 20 ragazzi della comunità Kayros dal titolo “Non esistono ragazzi cattivi”. Ognuno di loro raccontava di sé in un modo con la musica, la poesia o una preghiera, il tutto scritto da loro. Poi raccontavano più nello specifico le loro esperienze di vita, da dove erano venuti, come erano entrati in carcere e successivamente mandati in comunità.

Questi ragazzi provenivano dai quartieri popolari di diverse città, ma la maggior parte dal quartiere di San Siro a Milano, considerati pericolosi per via delle varie rapine e  zone di spaccio compiute dai loro abitanti. anche i protagonisti dello spettacolo sono entrati nelle carceri o in comunità per queste situazioni e con l’aiuto della comunità, in particolar modo con l’aiuto di Don Claudio Burgio, fondatore di Kayros che aiuta ogni giorno i “suoi ragazzi”, sono riusciti a tornare sulla strada del giusto.

Intorno alla fine dello spettacolo abbiamo avuto l’opportunità di salire con loro sul palco, mentre cantavano e ballavano una delle loro canzoni.

Alla conclusione dello spettacolo abbiamo potuto porre loro delle domande dove ognuno rispondeva a modo suo, molti erano leggermente imbarazzati e rispondevano spesso con piccole affermazioni o poche parole.Le cose che ci hanno colpito sono principalmente due: parlare con scioltezza dei reati che hanno compiuto senza vergogna degli altri ma soprattutto ci hanno colpito le loro storie, ciò che hanno passato e le condizioni in cui vivevano motivo per il quale hanno commesso errori anche gravi dai quali poi sono riusciti ad uscirne.

Corrierino | Articoli correlati

Uno spazio di confronto, espressione e crescita per i ragazzi

01 Ago 2023

Di Anna Volpi e Miriam Santambrogio

La festa di fine anno

Ogni anno, alla fine della scuola facciamo una festa per concludere il percorso scolastico. La festa si svolge in questo modo: al mattino, appena arrivati si celebra la messa in giardino, poi si entra in classe per fare la merenda e l’intervallo. A metà mattina gli alunni preparano e allestiscono le aule con i lavori […]

01 Ago 2023

Di Beatrice Balbo

Ravioli e tè

Ho sempre trovato interessante leggere delle tradizioni di altri popoli, soprattutto quelle poche conosciute (o comunque delle quali nessuno parla molto). In questo articolo ho deciso di parlare della mia preferita finora: il yum cha. Sono venuta a conoscenza di questa tradizione nel modo più banale possibile, cioè andando a mangiare in un ristorante cinese. […]

01 Ago 2023

Di Pietro Crugnola

Il motore Wankel

Questo innovativo motore inventato dal tedesco Felix Wankel nel 1957, anche conosciuto come motore rotativo, adotta una geniale camera dove un rotore, di forma triangolare con i lati arrotondati verso l’esterno, ruota con un particolare movimento orbitante, che fa aderire sempre i vertici alla camera e fa ruotare l’albero motore.  Avendo tre lati uguali dove […]