Di Pietro Crugnola

Le olimpiadi delle scienze naturali

I Giochi delle Scienze Sperimentali, creati nel 2010 dall’Associazione Nazionale Insegnanti delle Scienze Naturali (ANISN), sono proposte agli studenti di terza media degli istituti di tutta Italia. I giochi fanno parte dei Campionati delle Scienze Naturali creati nel 2002 (ex Olimpiadi) che in principio furono dedicati solo agli studenti delle superiori che affrontano prove di […]

I Giochi delle Scienze Sperimentali, creati nel 2010 dall’Associazione Nazionale Insegnanti delle Scienze Naturali (ANISN), sono proposte agli studenti di terza media degli istituti di tutta Italia. I giochi fanno parte dei Campionati delle Scienze Naturali creati nel 2002 (ex Olimpiadi) che in principio furono dedicati solo agli studenti delle superiori che affrontano prove di geologia e biologia: entrambe le discipline nelle prove per il biennio e una a scelta per gli alunni del triennio.

 In tutti i casi le prove disputate a livello nazionale sono tre: una d’istituto, dove passa un certo numero di alunni proporzionato al numero di classi (nel nostro caso tre) per le gare regionali dalle quali gli studenti a passare alle selezioni italiane sono solo due, anche se spesso nelle regioni più grandi e meritevoli avvengono dei ripescaggi. 

Alle competizioni nazionali sono perciò presenti circa 40 ragazzi a sfidarsi. 

Per i concorrenti delle superiori, ad andare alle internazionali (quest’anno ad Abu Dhabi) sono quattro per il biennio e per il triennio quattro di biologia e quattro di geologia. 

In questa 21° edizione, le scuole a partecipare ai campionati sono più di 600, di cui 178 per i giochi. Le regioni con più scuole iscritte sono il Veneto, con 27 istituti iscritti, la Puglia e la Campania con 18 scuole. Gli alunni che studiano in queste regioni sono sempre stati nei primi dieci classificati della competizione. Gli istituti lombardi iscritti ammontano a 17.

Le prove trattano di tutte le materie scientifiche ma la maggior parte delle domande sono a base logica. È infatti possibile rispondere correttamente anche senza aver trattato questi argomenti durante le lezioni. 

I quesiti posti sono a risposta multipla o aperta, e i massimi punti totalizzabili dipendono dalla prova, e a parità di punti il concorrente più giovane è quello a salire di una posizione. 

Nella nostra scuola dei 19 partecipanti siamo passati in tre tutti della mia classe (3^C): al 1° posto Luca Bollo, con 40,5 punti dei 46 massimi e al 2° posto a pari merito io e Giovanni Deriu, a 39 punti. Essendo però nato io a marzo e lui a luglio io sono scivolato alla 3° posizione. Luca Pagani, un altro alunno della 3^C, è arrivato 4° con solo ½  punto in meno di noi. 

Il 22 marzo  noi tre passati abbiamo partecipato alle prove regionali disputate all’Acquario di Parco Sempione a Milano insieme ad altri 55 partecipanti. 

I risultati della prova ci sono stati comunicati dalla nostra professoressa di scienze, l’onorevole prof Venci, pochi giorni dopo: Giovanni Deriu 19°, Luca Bollo 12° e io… primo. Primo in Lombardia. Non volevo crederci: ero in Nazionale!

Insieme a me è passata Noemi Oliverio e sono stati ripescati Giulio Berna e Chiara De Vito Piscicelli Taeggi. Tutti eravamo attesi per le Nazionali ad Assisi il 5, il 6 e il 7 maggio.

Dopo “sole” 5 ore e mezza di treno siamo giunti ad Assisi e sabato 6 maggio abbiamo disputato sia la prova scritta che quella orale presso il Convitto “Principe di Napoli” e la domenica ci sono state comunicate le classifiche: io sono arrivato 9° a pari merito con altri quattro e quindi 10° teorico. Chiara è arrivata 20°, Giulio 4° e Noemi… prima! 

La Lombardia ha fatto anche altri eccellenti piazzamenti prima classificata anche nel biennio e 4° in biologia triennio.

Questa avventura è stata piuttosto particolare ma molto divertente perché, per quanto non fosse seria come prova, le persone a partecipare erano dei personaggi originali: intelligentissimi e che si sono rivelate persone strampalate e geniali.

Il dirigente dell’evento, per esempio, nella cerimonia finale ha cantato  suonato con il mandolino una canzone di sua invenzione inventata appositamente per i Campionati. La confusione e il divertimento hanno contribuito a “forgiare salde amicizie”, ovvero uno degli obiettivi della competizione, a cui mi piacerebbe partecipare di nuovo in futuro.

Corrierino | Articoli correlati

Uno spazio di confronto, espressione e crescita per i ragazzi

01 Ago 2023

Di Riccardo Malgrati

La Nike

La Nike è una multinazionale statunitense che produce calzature, abbigliamento e accessori sportivi. Creata nel 1971, ha sede a Beaverton, nell’area metropolitana di Portland, Oregon.  Il nome dell’azienda è ispirato alla dea greca della Vittoria Nike, una dea alata in grado di muoversi ad alta velocità, la cui rappresentazione più famosa, una scultura esposta al […]

01 Ago 2023

Di Davide Severgnini

Un libro che insegna la vita

“Stanotte guardiamo le stelle” di Alì Ehsani è un libro che parla di Alì, un ragazzo afghano, costretto a lasciare Kabul  insieme al fratello Mohammed a causa della guerra. Deve andare avanti nonostante la perdita dei genitori a causa dei bombardamenti. Il suo è un viaggio molto difficile e lungo in cui ha vissuto momenti […]

01 Ago 2023

Di Sophia Gomez

La Compagnia del Vello D’Oro

Lunedì 29 Maggio, noi ragazzi di seconda siamo saliti sul palco per interpretare lo spettacolo dal titolo “La compagnia del vello d’oro” ma questo è solo la fine del lungo percorso che ci ha portato alla rappresentazione teatrale. Il nostro lavoro è iniziato già a settembre con la lettura de “LE ARGONAUTICHE”, libro scritto in […]