Di Davide Severgnini

La violenza in Brasile: dov’è la democrazia?

L’articolo tratta di un episodio molto grave successo in Brasile in cui i sostenitori dell’ex presidente Bolsonaro, che non accettavano l’elezione del nuovo presidente, assalirono i palazzi del governo brasiliano causando numerosi danni. Nel mirino della giustizia è finito proprio Bolsonaro che si pensa possa essere stato complice delle violenze.  Migliaia di sostenitori dell’ex presidente […]

L’articolo tratta di un episodio molto grave successo in Brasile in cui i sostenitori dell’ex presidente Bolsonaro, che non accettavano l’elezione del nuovo presidente, assalirono i palazzi del governo brasiliano causando numerosi danni. Nel mirino della giustizia è finito proprio Bolsonaro che si pensa possa essere stato complice delle violenze. 

Migliaia di sostenitori dell’ex presidente hanno occupato e devastato edifici governativi nella capitale Brasilia. Una cinquantina i feriti, alcuni in gravi condizioni. Dopo diverse ore la polizia ha ripreso il controllo della situazione. Secondo il ministro della Giustizia è un atto di “golpismo”, Lula parla di “atti terroristici”. Bolsonaro, ricoverato in Florida per un’occlusione intestinale, condanna gli attacchi parlando di azioni “illegali”.

Sono stati compiuti 209 arresti in flagranza di reato e altre 1.200 persone, per la maggior parte quelle che si trovavano nell’accampamento di bolsonaristi installato vicino alla caserma dell’esercito, sono state arrestate. Anche il nipote di Bolsonaro era tra i manifestanti. L’ex presidente era in Florida quando è avvenuto questo fatto.

L’attacco  è stato molto simile a quello avvenuto in Campidoglio in cui i sostenitori dell’ex presidente Trump hanno assaltato i palazzi della politica di Washington.  Anche i due ex-presidenti hanno elementi in comune, Bolsonaro ha detto più volte di volersi “ispirare” allo statunitense. Tutti e due hanno conquistato il potere tramite una propaganda aggressiva basata su “fake news”.

Questi fatti rappresentano una situazione molto grave e bisogna accettare il pensiero degli altri anche se è diverso dal proprio, nonostante in alcuni paesi questo traguardo sembra ancora lontano.

Corrierino | Articoli correlati

Uno spazio di confronto, espressione e crescita per i ragazzi

23 Apr 2024

Di Alessandro Gatti

“Federico il grande” di Alessandro Barbero

Ho la passione della storia perché con mio padre parliamo di storia contemporanea, guardo spesso il telegiornale e sempre prima di andare a dormire ascolto i podcast del professor Alessandro Barbero: Ho deciso di leggere questo libro dal titolo “Federico il grande” per approfondire un nuovo argomento. Il libro inizia descrivendo il momento storico nel […]

23 Apr 2024

Di Elisa Mauri

Il Castello Sforzesco

Ciao, oggi volevo raccontarvi una gita che ho fatto con la scuola al Castello Sforzesco. La mattina del 14 febbraio 2024 sono andata a scuola e una volta che siamo arrivati tutti ci siamo incamminati verso la stazione.  Arrivati alla stazione abbiamo preso il treno e poi la metro. Quando siamo arrivati davanti al Castello […]

23 Apr 2024

Di Giorgia Segat

Un racconto per te – Il calendimaggio

Se amate scrivere e comunicare messaggi profondi, questa iniziativa fa proprio al caso vostro! Il Calendimaggio è un concorso di scrittura a cui sono invitati a partecipare i ragazzi di seconda e terza media – che possono proporre poesie – e delle scuole superiori, i quali possono presentare sia una poesia sia un testo in prosa. Tra tutti, […]