Di Redazione

Intervista ai prof!

Ciao, noi siamo Chiara, di 3b e Annachiara, di 2b e abbiamo deciso di intervistare alcuni prof della nostra scuola, di età diverse per conoscerli di più. DOMANDE “SCOLASTICHE”: Bianco: Ai miei tempi non c’era classroom, non si usava molto power point ed era tutto più diretto. Si facevano più gite e c’era più rispetto […]

Ciao, noi siamo Chiara, di 3b e Annachiara, di 2b e abbiamo deciso di intervistare alcuni prof della nostra scuola, di età diverse per conoscerli di più.

DOMANDE “SCOLASTICHE”:

  1. COM’È LA CAMBIATA LA SCUOLA NEL TEMPO? COME LA VIVEVATE DA ALUNNI E COME DA PROF?

Bianco: Ai miei tempi non c’era classroom, non si usava molto power point ed era tutto più diretto. Si facevano più gite e c’era più rispetto per i prof. Io,sinceramente, non studiavo molto ma andavo abbastanza bene. Adesso che sono un prof studio di più per prepare le lezioni e vivo la scuola con gioia

Grisanti:  Non mi è mai dispiaciuto andare a scuola, sono sempre stata attenta in classe almeno studiavo di meno e avevo più tempo per uscire con i miei amici inoltre ho sempre cercato di sfruttare al massimo il tempo. Da prof mi è rimasta quest’abitudine: in classe cerco di non perdere tempo

Vanzulli: Quando ero un ragazzo andavo a scuola perché dovevo, ma quando sono diventato prof. mi sono reso conto dell’importanza delle cose che si imparano a scuola

Galbiati: Onestamente sono sempre stata una “secchiona” e le medie sono le scuole che ho vissuto peggio, ero molto insicura

Venci: Da piccola ero una secchiona e infatti venivo spesso presa in giro, adesso sono io che mi diverto a prendere in giro

Torriani: La scuola mi è sempre piaciuta, soprattutto per le materie umanistiche. Ora che sono una prof. sono molto più curiosa di alcune materie che da giovane non mi interessavano e perciò non avevo approfondito

  1. QUAL ERA IL VOSTRO SOGNO DA BAMBINI? PENSAVATE GIÀ DI VOLER INSEGNARE?

Bianco: Da piccolo, i primi due anni delle medie, il mio sogno era di diventare famoso. al liceo ho avuto un prof che ci faceva fare molti temi e lì ho iniziato a capire che volevo insegnare

Grisanti:  Soprattutto quando ero all’università non avrei mai pensato di insegnare.

Vanzulli:: Fin dalle medie ho sempre avuto una passione per l’ambito motorio e con le opportunità che mi si sono poste davanti sono finito ad insegnare.

Galbiati: Insegnare è sempre stato un mio desiderio

Venci: Non avevo un “sogno” da bambina, prima di insegnare, però, facevo la genetista

Torriani:  Da giovane avevo avuto l’idea di diventare giornalista, ma più avanti ho capito che non ero portata per quel lavoro

  1. COME MAI INSEGNATE ALLE MEDIE? 

Bianco: Mi ero appena laureato al triennio e un mio amico, il prof. Delcarro, mi ha chiamato in lacrime perché avevano bisogno di un prof. per fare supplenza. Da allora sono rimasto in questa scuola

Grisanti: Ho insegnato solo alle medie, mi si è presentata quest’occasione per caso, mentre lavoravo in uno studio architettonico 

Vanzulli: Ho iniziato a insegnare alle medie per caso perché mi era stato chiesto di venire. All’inizio è stato difficile, ma mi sono affezionato ai ragazzi di quest’età e ora non cambierei scelta

Galbiati: Inizialmente pensavo di insegnare alle superiori ma poi mi sono state proposte le medie e ho accettato

Venci: Sono qua perchè me l’ha proposto una mia amica e sono contenta, perché ora riesco a dedicare più tempo alla mia famiglia, a differenza del lavoro precedente

Torriani: Per una serie di occasioni casuali mi sono ritrovata ad insegnare qui e ora mi sono affezionata

  1. COM’È STATO IL VOSTRO PRIMO GIORNO DA INSEGNANTE?

Bianco: Ero allegro e spensierato, avevo voglia di insegnare

Grisanti: Mi ricordo che ero molto agitata e avevo preparato una lezione per due ore, dopo dieci minuti avevo finito. Le prime due settimane tornavo a casa e non avevo voce perché non ero abituata a parlare con un tono di voce così alto.

Vanzulli: Il mio primo giorno da insegnante ero molto spaventato all’idea di entrare in classe. La prima aula in cui sono entrato è la 3C attuale, al tempo 1B.

Galbiati: Mi ricordo che ero agitatissima! Non ho dormito la notte…

Venci: Avevo moltissima paura!

Torriani: Non mi ricordo

  1. MATERIA/ARGOMENTO PREFERITA E SFAVORITA DA ALUNNO

Bianco: Odiavo arte, mi piaceva italiano e matematica e andavo bene in storia

Grisanti: Mi piaceva molto storia dell’arte e disegno tecnico, mentre non mi interessavano per niente chimica e fisica

Vanzulli: Preferivo matematica ed ed. fisica, mentre odiavo italiano

Galbiati: Da piccola mi piacevano molto le lingue e non mi piaceva tecnologia

Venci: Mi appassionava arte e non ero molto interessata a italiano

Torriani: Mi piacevano latino e greco e non mi piaceva chimica

  1. CHE LICEO HA FREQUENTATO?

Bianco: Scientifico

Grisanti: Artistico

Vanzulli: Scientifico

Galbiati: Ho fatto il liceo classico, è stato  molto impegnativo

Venci: Scientifico

Torriani: Classico, a Rho

 DOMANDE “PERSONALI”:

  1. MARCA DI VESTITI/SCARPE PREFERITA

Bianco: Vestiti: The North Face e scarpe: Nike

Grisanti: Non c’è un marchio che preferisco, Non presto particolare attenzione ai marchi…

Vanzulli: Non ho un marchio preferito, solitamente, insegnando ed.fisica indosso la tuta

Galbiati: Non preferisco una marca in particolare, mi vesto casual e la sera mi piace vestirmi elegante

Venci: Desigual

Torriani: Mi piace vestirmi sportivo, con colori sobri

  1. CANZONE E CANTANTE PREFERITO: 

Bianco: Gruppo musicale i Mumford & Sons, non mi viene in mente una canzone preferita

Grisanti:  Mi piace molto Max Pezzali e alcuni gruppi finlandesi, anche se principalmente preferisco la musica italiana

Vanzulli: Ascolto un po’ di tutto, non ho molto tempo, ma mentre sono in macchina ascolto Radio Italia, quindi principalmente musica italiana

Galbiati: Mi piacciono le canzoni di Guccini anche se la mia canzone preferita è Here Comes The Sun

Venci: Il mio gruppo preferito sono gli U2 e i RED HOT CHILLI PEPPERS

Torriani: Non ascolto molto la musica ma mi piacciono i cantautori italiani degli anni 70

  1. PIATTO PREFERITO/COLORE PREFERITO

Bianco: Pasta al forno “bum”, lasagna, lagnello (ndr), carciofi fritti, antipasti (meme)

Grisanti: Adoro la pizza, se potessi la mangerei ad ogni pasto! Il mio colore preferito è il lilla/viola 

Vanzulli: Il mio cibo preferito è la pizza e i miei colori preferiti e ai quali sono più affezionato sono il verde e il giallo, perchè sono i colori della società in cui ho allenato

Galbiati: Mangio qualsiasi cosa, se proprio devo scegliere dico i pizzoccheri e gli gnocchi.

Il mio colore preferito è il rosso.

Venci: Il mio cibo preferito è la pizza e il mio colore preferito è il verde acqua

Torriani: Il mio cibo preferito è la pizza e alcuni dolci, i miei colori preferiti sono azzurro e viola

  1. COSA FACEVATE NEL TEMPO LIBERO DA BAMBINI/RAGAZZI E COSA FATE ADESSO

Bianco: Stavo e tutt’ora sto con gli amici e, come spesso capita all’intervallo, gioco a calcio

Grisanti: Mi è sempre piaciuto viaggiare e da ragazza mi piaceva molto chiacchierare e trovarmi con gli amici, in realtà anche adesso ma c’è meno tempo 

Vanzulli: Da ragazzo amavo giocare a calcio, adesso sono impegnato a tempo pieno a fare il papà

Galbiati: Mi piace giocare a biliardino, leggere, stare con gli amici e, come ho già detto, mi piace guardare e fare sport

Venci: Nel tempo libero faccio la mamma, ma mi piace anche leggere e a volte dipingo e disegno 

Torriani: Mi piace leggere e andare al cinema

  1. CITTÀ PREFERITA E POSTO CHE VORRESTE VISITARE

Bianco:  La mia città preferita è Gerusalemme e vorrei visitare Tokyo

Grisanti: Mi piace molto Roma e Skagen, un paesino sulla punta della Danimarca dal quale puoi vedere l’unione dei due mari

Vanzulli: Mi piace molto Assisi e in realtà non c’è un posto in particolare che vorrei visitare

Galbiati: Vorrei visitare l’America Latina e un posto che mi è piaciuto molto è Istanbul, vorrei tornarci

Venci: Vorrei visitare Amsterdam. Il posto più bello che ho visitato, invece, è stato l’Andalusia

Torriani: Vorrei visitare Gerusalemme, la mia città preferita è Parigi

  1. SPORT PREFERITO E SQUADRA DI CALCIO CHE TIFATE

Bianco: I miei sport preferiti sono la pallanuoto e il calcio, tifo il Torino

Grisanti: Non seguo molto lo sport, guardo solo le gare di moto

Vanzulli: Il mio sport preferito è il calcio e tifo la Juve

Galbiati: Io adoro lo sport, seguo qualsiasi tipo e mi alleno: vado in palestra e a correre. Tifo il Milan

Venci: Non seguo molto lo sport ma tifo il MilanTorriani: Non seguo lo sport ma mi piace guardare il pattinaggio sul ghiaccio

Corrierino | Articoli correlati

Uno spazio di confronto, espressione e crescita per i ragazzi

01 Ago 2023

Di Davide Severgnini

Un libro che insegna la vita

“Stanotte guardiamo le stelle” di Alì Ehsani è un libro che parla di Alì, un ragazzo afghano, costretto a lasciare Kabul  insieme al fratello Mohammed a causa della guerra. Deve andare avanti nonostante la perdita dei genitori a causa dei bombardamenti. Il suo è un viaggio molto difficile e lungo in cui ha vissuto momenti […]

01 Ago 2023

Di Sophia Gomez

La Compagnia del Vello D’Oro

Lunedì 29 Maggio, noi ragazzi di seconda siamo saliti sul palco per interpretare lo spettacolo dal titolo “La compagnia del vello d’oro” ma questo è solo la fine del lungo percorso che ci ha portato alla rappresentazione teatrale. Il nostro lavoro è iniziato già a settembre con la lettura de “LE ARGONAUTICHE”, libro scritto in […]

01 Ago 2023

Di Sophia Gomez, Anna Volpi e Elena Giordano

MIND

Nel mese di Dicembre le nostre prof. di matematica hanno scelto 14 studenti per un progetto chiamato MIND (milano innovation district) che consisteva nel sviluppare varie idee creative sulla salute e sul benessere psicologico della persona.  Molti di noi hanno provato curiosità, entusiasmo, agitazione, sorpresa e determinazione per la nuova esperienza propostaci. Dopodiché abbiamo letto […]