IL DECAMERON DELLA PAOLO VI

Il terzo anno scolastico presso le scuole medie era ormai alle porte, ma Marco sapeva di non essere ancora pronto.
Lui sapeva già come sarebbero state le sue giornate da settembre fino a giugno, sapeva già che i suoi voti sarebbero stati sempre pessimi e che non avrebbe passato l’anno per l’accesso alle scuole superiori, non sapeva nemmeno se sarebbe riuscito ad avere l’ammissione agli esami.
La cosa che però di cui era certo era che anche quest’anno i bulli della classe l’avrebbero bullizzato, mettendolo nell’armadietto della palestra oppure infilandogli la testa nel water, come era successo l’anno precedente.
Ma, dentro a tutti questi pensieri, accadde qualcosa che cambiò completamente la sua vita.
Un giorno, ,mentre tornava da scuola, si imbatté in un gruppo di ragazzini che stava accerchiando un bambino più piccolo di loro: volavano spintoni e insulti e il bambino impaurito cercava di difendersi. Quante volte aveva visto quella scena in prima persona, un film vissuto da protagonista.
Forse perché conosceva già la storia o forse per qualcosa che non seppe bene spiegare, decise di cambiare la trama di quel racconto e decise di intervenire per difendere quel bambino: si fece largo tra i bulli, si mise tra loro e il bambino e, con tono risoluto, disse:
«Vergognatevi! Voi siete in tanti contro uno solo! È facile sentirsi superiori quando si è in gruppo. Lasciatelo stare e smettete di comportarvi così».
I bulli si allontanarono e Marco sorrise al bambino, che lo guardò dicendogli:
«Grazie! Sei la persona migliore che abbia mai conosciuto! Un giorno spero di diventare un ragazzo come te».
In quel momento, come una goccia che appena sfiora la superficie dell’acqua genera i movimenti delle onde, così Marco capì che il problema non erano i bulli ma la scarsa fiducia che aveva in se stesso.
Bastò poco, si rimboccò le maniche e da lì iniziò anche a prendere buoni voti a scuola grazie allo studio necessario per verifiche ed interrogazioni, riuscì a stringere nuove amicizie e non venne mai più bullizzato dai bulli che lo tormentavano.

A cura di Francesco D.M.

La scuola

Scuola Secondaria di I grado
Via A. Diaz 40
20017 Rho (MI)


Privacy Policy

Cookie Policy

Numeri utili

  02.9302371
segreteria@smpaolovi.org


E’ in corso il progetto LA NUOVA SCUOLA: CONOSCERE,CONOSCERSI,AIUTARSI A CRESCERE realizzato con il contributo di Fondazione Comunitaria Nord Milano

Contattaci


 Privacy
Accetto che Paolo VI Onlus Società Cooperativa Sociale elabori i miei dati conformemente alla Informativa sulla privacy “RICHIESTA DI INFORMAZIONI.