EMERGENZA CORONAVIRUS: cosa significa per gli insegnanti

In questo periodo, come tutti sappiamo, i nostri professori si sono impegnati per garantirci un metodo di insegnamento diverso dal solito che si adatti alla situazione facendoci andare avanti col programma scolastico e dandoci la possibilità di seguire le lezioni al meglio anche online, certamente con qualche difficoltà.
In questi giorni abbiamo intervistato alcuni dei nostri professori e gli abbiamo posto alcune domande su com’è insegnare in questo momento di emergenza.
Facendo queste interviste abbiamo scoperto che i professori preferiscono essere in classe fisicamente ed interagire con gli studenti. Inoltre, abbiamo capito che tengono molto a noi.
Un’altra cosa molto interessante è che secondo i prof. questo momento ha sia degli aspetti positivi che negativi; secondo loro infatti, questo momento è un’opportunità per sviluppare la creatività e fare cose che prima davamo per scontato, mentre un difetto che molti tra i nostri professori hanno detto è quello che manca l’empatia tra l’alunno e l’insegnante durante queste lezioni.
Insomma, da questa situazione possiamo intuire che dobbiamo apprezzare tutti i momenti della nostra vita, come un’opportunità per capire le fortune che avevamo.
Ringraziamo soprattutto i nostri professori per l’aiuto che ci hanno dato per realizzare questo articolo e per averci dato l’opportunità di continuare la scuola in questa situazione drammatica.

 

Francesco D.M., Giuseppe N., Ettore P., Clara P.  

La scuola

Scuola Secondaria di I grado
Via A. Diaz 40
20017 Rho (MI)


Privacy Policy

Cookie Policy

Numeri utili

  02.9302371
segreteria@smpaolovi.org


E’ in corso il progetto DA UNA NUOVA SCUOLA A UNA NUOVA SOCIETÀ: RISORSE AFFETTIVE ED ECONOMICHE CONDIVISE realizzato con il contributo di Fondazione Comunitaria Nord Milano

Contattaci


 Privacy
Accetto che Paolo VI Onlus Società Cooperativa Sociale elabori i miei dati conformemente alla Informativa sulla privacy “RICHIESTA DI INFORMAZIONI.